• +39 338 614 1121
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Associazione Monte Chaberton - 515a Batteria Guardia alla Frontiera
  • Associazione Monte Chaberton - 515a Batteria Guardia alla Frontiera
  • Associazione Monte Chaberton - 515a Batteria Guardia alla Frontiera
  • Associazione Monte Chaberton - 515a Batteria Guardia alla Frontiera
  • Associazione Monte Chaberton - 515a Batteria Guardia alla Frontiera
  • Associazione Monte Chaberton - 515a Batteria Guardia alla Frontiera
  • Associazione Monte Chaberton - 515a Batteria Guardia alla Frontiera
  • Associazione Monte Chaberton - 515a Batteria Guardia alla Frontiera
  • Associazione Monte Chaberton - 515a Batteria Guardia alla Frontiera
  • Associazione Monte Chaberton - 515a Batteria Guardia alla Frontiera
  • Associazione Monte Chaberton - 515a Batteria Guardia alla Frontiera
  • Associazione Monte Chaberton - 515a Batteria Guardia alla Frontiera
  • Associazione Monte Chaberton - 515a Batteria Guardia alla Frontiera
  • Associazione Monte Chaberton - 515a Batteria Guardia alla Frontiera
  • Associazione Monte Chaberton - 515a Batteria Guardia alla Frontiera
  • Associazione Monte Chaberton - 515a Batteria Guardia alla Frontiera
  • Associazione Monte Chaberton - 515a Batteria Guardia alla Frontiera

10 giugno 2018 – Salita...invernale sul Titano

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

PRIMA ASCENSIONE STAGIONALE

Qualche giorno fa, buona la prima #ascensione sul Monte Chaberton. Superato l’abitato di Fenils – 1.298 m e parcheggiata l’auto a Pra Claud - 1.598 m. (N44 59.174 E6 46.898) lo sguardo è rivolto lassù, anche per cercare di capire cosa si possa trovare. Alle 5.00 un primo sguardo da Salbertrand infondeva una carica non indifferente, la giornata tersa, i colori stupendi, quelli dell’alba. Alle 5.50 da Pra Claud “leggendo” il cielo, si nota già un piccolo cambiamento, c’è vento e porta nuvole...il Forte delle Nuvole, che corrono discretamente veloci.

IL METEO E LA NEVE

Il meteo prevede, una situazione migliore la mattina, ma i fattori da prendere in considerazione sono tanti e nulla o quasi, va lasciato al caso o alla fortuna, sarà una ascesa diversa dalle solite. Lo Chaberton è e resta sempre un’escursione impegnativa, specie fatta dal versante italiano, discesa inclusa e soprattutto direi.
Le varianti a disposizione sono diverse dalla solita in condizioni estive. Ci si trova in un momento di stagione bizzarro e tale si rivelerà anche la giornata.
Il fattore più importante da prendere in considerazione è la neve. Non si possono fare tante stime o parole, bisogna essere sul posto, pestarla, osservarla, valutare e rivalutare di continuo. Non ci sono certo pericoli di slavine o simili, ma l’essere da soli, è un altro fattore da tenere presente.

L’ANALISI ED IL CONFRONTO

I giorni precedenti, mi sono confrontato, con amici più esperti di me, in fattore neve ed ho analizzato con loro la situazione e le possibili situazioni alle quali mi sarei potuto trovare di fronte.

UNA VIA DIVERSA

L’ascesa è prevista dal versione italiano, desidero e voglio, salire via neve, per essere più “veloce” e per fare una salita diversa. Il tempo non é importante, non è una gara, non c’è cronometro, le giornate sono lunghe, anche se oggi con le nuvole può risultare all’inverso. Nello zaino quello che può servire. Ramponi sicuramente, ma anche ciaspole.
Nei giorni precedenti, qualche immagine, mi aveva dato un’idea su quello che avrei trovato, ma giusto un’idea.

CHABERTON – UNA SECONDA CASA

La salita, direi, che la conosco bene, sono a casa, mi sento a casa, ma lo Chaberton è sempre una Montagna.
Appena partito da Pra Claud – 6.00, un fortissimo ed intenso profumo di larici freschi di taglio entra prepotente nel naso, buonissimo !

PROFUMO DI LARICI E PECORE

Subito dopo, passata la sbarra di chiusura strada, in un recinto, i pastori maremmani fanno il loro lavoro, mentre, questa volta, il fortissimo profumo delle pecore, invade nuovamente il mio respiro. Non taglio sù per il sentiero, preferisco la strada per scaldare le gambe e non fare salire subito troppo il cuore. Tra l’altro, non è ancora un periodo di gran forma, devo dosare le forze e non esagerare.
L’obiettivo è tentare di raggiungere la Cima, il Forte. I punti interrogativi, vista l’attuale condizioni non mancano, qualche paura mi accompagna e che ben venga, aiuta ad essere più consci e responsabili.
Raggiunta, eventualmente la vetta, ritornare quanto più veloce possibile al Colle. A quel punto diventa tutto più gestibile e sicuro.

NUVOLE, NEVE E SOLE

L’elemento sole, caldo, possono fare cambiare la neve velocemente e di riflesso, tutto a catena. La tabella di marcia prevista è stata sforata di pochi minuti per la partenza. Prima si parte, più si hanno condizioni migliori di neve dura, più si va “veloci”, più si è sicuri. I colori sono stupendi, il verde rigoglioso riempi gli occhi, i prati sono fioriti, il contrasto con il cielo è fantastico, il silenzio fa rumore.

RIO DELL’INFERNO

Raggiungo il Rio dell’Inferno non distante, dove l’anno scorso c’è stata una frana, ma d’altronde l’area stessa ne è soggetta, non é stata rimossa ed è stata lasciata lì. La strada non viene più mantenuta, è stata dimenticata ed ogni anno peggiora sempre un po’ di più in alcuni punti, proprio quelli più soggetti a movimenti franosi, come anche prima del traverso di Rocca Tagliata. In questo punto, più precisamente, la frana stessa ha mangiato un po’ il bordo che cade nel rio medesimo, restringendo la carreggiata e cambiando i suoi connotati in maniera importante. La ferita è ancora ben presente ed é visibile agli occhi di tutti. Per fortuna, però, grazie al passaggio di pedoni e ciclisti in mountain bike che si avventurano da questo versante, viene mantenuta ancora una viabilità discreta.

LO SPORT, GLI EVENTI ED IL TURISMO TENGONO VIVA LA MONTAGNA

Gli eventi sportivi organizzati, quali il passaggio dell’Iron Bike e dei due Trail, quello italiano e l’altro francese, aiutano anche e mantengono viva la montagna. Proprio grazie al Trail Monte Chaberton che ci sarà a fine giugno in concomitanza con la Rievocazione Storica del Monte Chaberton, grazie alla volontà dei Partner dell’Evento della Corsa ed anche, alla necessità di quest’anno, trovo un mini escavatore già al lavoro per aprire un varco che permetta il passaggio dei corridori. Scambio due parole con l’escavatorista e proseguo il mio percorso scrutando sempre il cielo ed il vento che continua a far cambiare il tempo.

COSA TROVERO’ ?

Sono le 7.06, a breve saprò esattamente come si presenterà la mia salita. Le Grange Quagliet - 2054 m N44 58.680 E6 45.659, sono un riferimento solito, la sua curva a C perfetta e sorretta dai muri a secco obbliga sempre ad un sosta di ammirazione ed allo stesso tempo di rivalutazione prima di proseguire. Non permette ancora una vista perfetta, ma ormai è questione di poco. L’intenzione, essendo a piedi, è tentare di salire diretto fiancheggiando il rio, quello che più a valle prende il nome di Rio Fenils, ma quassù a monte, pare non si chiami così, poco importa. Quello che conta è capire lo stato della neve che avevo adocchiato da sotto, sicuramente tanta.

Fare la strada  risulterebbe più sicuro, ma significhebbe fare la salita solita, investire più tempo, questa volta sarebbe stato inutile, se non che il passaggio a Rocca Tagliata ha sempre il suo fascino, giusto anche per valutarne lo stato. Imbocco il sentiero solito, un colpo d’occhio sulla diramazione verso Cresta Nera, le gambe sono ormai in temperatura ed in pochi minuti raggiungo il rio.

Vista la situazione, sicuramente, non passo sul versante opposto, dove il sentiero permette di tagliare la carrozzabile e raggiungere il Piano dei Morti molto più velocemente. E’ completamente innevato e dovrei camminare di traverso, troppo rischioso, inutile e lento. Calzo le ciaspole, massima prudenza e cammino sul bordo in sx orografica. Sensori tutti attivati. La vecchia mulattiera è parallela alla mia dx, non distante.

La superficie del manto nevoso è scavata, non omogenea, caratterizzata da tanti buchi. L’impressione è buona, ma non per questo abbasso l’attenzione scrutando sempre intorno e guardando in alto. Di positivo c'è che le nuvole sono ormai una presenza costanza, la luce è bizzarra, la giornata è cambiata e non pare cambierà, il sole traspare ogni tanto, peggio per le foto, meglio per la consistenza della neve. I muri a secco che sostenevano la vecchia mulattiera sono lì davanti a me ora. La pendenza e relativa contropendenza sono più accentuate e più impegnative, ma gestibili.

PIANO DEI MORTI

Il fondo è appena scalfitto dalle punte delle ciaspole. Costeggio orizzontalmente il muro principale, lo aggiro e continuo sù diritto. Incrocio il punto dove il sentiero passa sul rio ed il canale si fa più stretto. La pendenza molla quasi di colpo e si accede al Piano dei Morti. In questo momento ci si trova sull’attuale confine italiano, metro più, metro meno.

L’anno scorso, il 17 giugno, in ben altre condizioni, salimmo solo da questo punto, con gli amici Gaetano e Nino, su diritti per il Colle unicamente su nevaio. Questo anno è decisamente diverso, quasi anomalo. Proseguo, quindi, più o meno sulla stessa linea, nuovamente ed ancora diritta, tagliando tutte le curve e la strada stessa che tanto è complementamente sommersa.

Il cartello per Rochers Charniers sulla dx è stato nuovamente abbattuto.

AL COLLE

La salita in prossimità dei tornanti si fa più ripida ed impegnativa. Sotto il Colle, faccio delle piccole soste per riprendere fiato. Devio a sx, evitando il Colle vero e proprio. Tolgo i ramponi, per il breve tratto trasversale ed arrivo al cartello camminando sul sentiero solito. Guardo verso l’alto per osservare la situazione che fino a poco fa non vedevo ancora. Osservo e rivaluto anche il cielo. Dire che sono fresco, sarei un’ipocrita. Sono conscio che mi manca ancora un bel pezzetto e che in queste condizioni, quel “pezzetto” è un “pezzo”. La via è chiara, di nuovo diritto !

Ecco perché dico che il righello oggi è sufficiente e non serve il compasso, perché si traccia sempre e solo una linea.

La prima dalle Grange Quagliet al Colle, la seconda dal Colle al Forte, non c’è dubbio. Come senza neve il sentiero principale viene tagliato dal o dai sentieri “scorciatoia” con la relativa pendenza e fondo impegnativo, altrettanto lo è anche oggi con la neve. Non ho incontrato nessuno fino ad ora. D’altronde, non ci può essere lo stesso traffico di una qualsiasi altra domenica. Calzo nuovamente i ramponi, faccio un piccolo snack, bevo e riparto di buona lena, ma sempre con filosofia ed attenzione.

Il fondo tiene sempre, d’altronde aumenta la quota e diminuisce un pelo la temperatura, situazione a me favorevole, sia personalmente e sia per la consistenza nevosa importante per l’ascesa. In alcuni punti si affonda un po’ di più. I ramponi fanno il loro ottimo lavoro, ma sull’inclinazione e su alcuni tratti dove c’è più accumulo, l’impegno é maggiore e forse un velo di sole che compare a tratti l’ha trasformata, la stanchezza si fa sentire un po’ di più.

IL CASOTTO DI GUARDIA

Il tempo, inteso come meteo è giusto, ma tende a coprirsi ancora di più. Arrivo al Casotto di Guardia, sono le 10.11, un po’ provato, quest’ultimo tratto, mi ha consumato un po’ di energie e forze. Devo decidere se tentare la Cima o tornare. Devo pesare le nuvole ed il contorno che in questo momento non è bello, la temperatura, la discesa che non può essere “veloce” come quando sei a piedi ed un dietrofront diventa più “facile”. Proseguire significa affrontare un tratto ancora bello ripido, la neve è meno dura, si affonda di più, c’è il tratto con i reticolati, lo slalom tra il filo spinato. Non posso stare fermo e devo decidere. Continuo. Il tratto finale è veramente impegnativo per somma di impegno molto fisico, ma la testa tiene bene. Le nuvole ormai mi girano attorno, il Colle viene velato, non sono ancora quelle preoccupanti, la visibilità non è tanta, la strada di “casa” la conosco e ciò aiuta non poco.

LA FINESTRA DELLA POLVERIERA

Passo al fianco della finestra della polveriera, 10.43, immagino per un attimo, a quei tempi, la neve che poteva essere ancora presente, più o meno come lo è oggi. Slalom tra le pareti di sostegno del sentiero stesso prima del tratto finale. La vista non aiuta è tutto bianco di neve, un’altra vista, ma so che sono ormai arrivato. Comincio a fare i primi passi sullo spalto e poi..arrivo sulla cornice di fronte alle torrette..woah !! C’è lho fatta !!

BATTERIA CONQUISTATA!

Per la cronaca, 10.54, il momento peggiore che si rivelerà della giornata, dove le nuvole sono proprio attorno e sopra la mia testa, salgono dal basso, le fotografie non saranno il massimo, ma non importa. In un’altra situazione non ci sarebbero problemi, né di orario, né di luce, ma in questo caso cambia. Non voglio rischiare di più e poi l’impressione é che non voglia cambiare. Il tempo di fare qualche scatto, senza cambiarmi, mangiare o bere, giro i tacchi e affronto subito la discesa, voglio raggiungere il Colle il prima possibile.

DISCESA IMMEDIATA

Linea diversa nella parte iniziale, leggermente più defilata, dal tratto finale più pendente e misto su roccette con veli di ghiaccio sottostante fatto in precedenza, per riprenderla poi appena più sotto, giusto per dare anche un po’ più di fiato alle gambe stesse. Dritto per dritto, sugli stessi passi, fronte al Colle scendo “veloce” e mi porto fuori dalla zona X ancora “caldo” per adagiarmi poi qualche minuto sul tratto non innevato, per fare un break, cambio indumenti e proseguire. Sono le 11.57. Ho modo di recuperare durante la sosta. Il tratto che rimarrà ora da rivalutare e più “rischioso”, sarà dal Piano dei Morti alle Gr. Quagliet. Imbocco la discesa dal Colle calzando nuovamente i ramponi, avendoli tolti nello stesso tratto, come fatto in salita. Le marmotte camminano sulla neve sotto il paretone del Trois Scies. Il sole fa capolino all’improvviso, ora fa caldo, cambia tutto. In pochi minuti, tutto è diverso, la luce, i colori, la neve. Devo alleggerirmi, sono troppo vestito. Le foto, ora valgono. Io sono in sicurezza, già praticamente al Piano. I “conti” fatti direi che sono stati giusti e ben gestiti. I ramponi affondano di più facendo dei giochi di frangimento sulla neve divertente, come fosse quello simile fatto sull’acqua. Sicuramente, permettono un’andatura molto più veloce delle ciaspole. All’andata, in passaggio, sul rio, ho “perso” tanto tempo, ma giusto che sia stato così. Ora avendo però dei riferimenti, tengo i ramponi e punto a valle.

GRANGE QUAGLIET

Ho ragione. Ho “visto” giusto. Alle 13.16 sono fuori dalla linguona di neve, alle 14.30 alle Grange Quagliet. Sospiro di sollievo e via a gestire la parte finale. 14.40 passaggio al Rio Inferno completamente pulito dall’escavatorista che con diligenza ed intelligenza si è prodigato, é ha dato anche un colpo alla piccola frana del 2017 nel tratto in prossimità del rio stesso. Successivamente, dalla strada, appena si presenta il sentiero, scendo nuovamente dritto per valle e lo percorro interamente fino a Pra Claud, dove arrivo alle 15.10.

RELAX

E’ tempo ora di cominciare a godere di una giornata diversa sul Titano.

Una giornata sulla neve sognata da tempo ed oggi in condizioni simili a come l’avrei “sognata”, realizzata, da rivivere e condividere.

(Testo di Diego Drago)



Questo sito utilizza i cookie.

Premendo il pulsante "Accetta" acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa estesa sui Cookie
I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell’erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle finalità di installazione dei Cookie potrebbero, inoltre, necessitare del consenso dell'Utente.

 

I servizi contenuti nella presente sezione permettono al Titolare del Trattamento di monitorare e analizzare i dati di traffico e servono a tener traccia del comportamento dell’Utente.

 

Cookie tecnici e di statistica aggregata

 

Attività strettamente necessarie al funzionamento

 

Questa Applicazione utilizza Cookie per salvare la sessione dell'Utente e per svolgere altre attività strettamente necessarie al funzionamento dello stesso, ad esempio in relazione alla distribuzione del traffico.

 

Attività di salvataggio delle preferenze, ottimizzazione e statistica

 

Questa Applicazione utilizza Cookie per salvare le preferenze di navigazione ed ottimizzare l'esperienza di navigazione dell'Utente. Fra questi Cookie rientrano, ad esempio, quelli per impostare la lingua e la valuta o per la gestione di statistiche da parte del Titolare del sito.

 

Altre tipologie di Cookie o strumenti terzi che potrebbero farne utilizzo

 

Alcuni dei servizi elencati di seguito potrebbero non richiedere il consenso dell'Utente o potrebbero essere gestiti direttamente dal Titolare – a seconda di quanto descritto – senza l'ausilio di terzi.

Qualora fra gli strumenti indicati in seguito fossero presenti servizi gestiti da terzi, questi potrebbero – in aggiunta a quanto specificato ed anche all’insaputa del Titolare – compiere attività di tracciamento dell’Utente. Per informazioni dettagliate in merito, si consiglia di consultare le privacy policy dei servizi elencati.

 

Google Analytics (Google)

Google Analytics è un servizio di analisi web fornito da Google Inc. (“Google”). Google utilizza i Dati Personali raccolti allo scopo di tracciare ed esaminare l’utilizzo di questa Applicazione, compilare report e condividerli con gli altri servizi sviluppati da Google.
Google potrebbe utilizzare i Dati Personali per contestualizzare e personalizzare gli annunci del proprio network pubblicitario.

Dati personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.

Luogo del trattamento : USA – Privacy Policy – Opt Out

 
Monitoraggio conversioni di Facebook Ads (Facebook)
Il monitoraggio conversioni di Facebook Ads è un servizio di statistiche fornito da Facebook, Inc. che collega i dati provenienti dal network di annunci Facebook con le azioni compiute all'interno di questa Applicazione.

Dati personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.

Luogo del trattamento : USA – Privacy Policy

 
Monitoraggio conversioni di Google AdWords (Google)
Il monitoraggio conversioni di Google AdWords è un servizio di statistiche fornito da Google, Inc. che collega i dati provenienti dal network di annunci Google AdWords con le azioni compiute all'interno di questa Applicazione.

Dati personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.

Luogo del trattamento : USA – Privacy Policy

 

·       Remarketing e Behavioral Targeting
Questi servizi consentono a questa Applicazione ed ai suoi partner di comunicare, ottimizzare e servire annunci pubblicitari basati sull'utilizzo passato di questa Applicazione da parte dell'Utente.
Questa attività viene effettuata tramite il tracciamento dei Dati di Utilizzo e l'uso di Cookie, informazioni che vengono trasferite ai partner a cui l'attività di remarketing e behavioral targeting è collegata.

 
AdWords Remarketing (Google)
AdWords Remarketing è un servizio di Remarketing e Behavioral Targeting fornito da Google Inc. che collega l'attività di questa Applicazione con il network di advertising Adwords ed il Cookie Doubleclick.

Dati personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.

Luogo del trattamento : USA – Privacy Policy – Opt Out

 
Facebook Custom Audience (Facebook, Inc.)
Facebook Custom Audience è un servizio di Remarketing e Behavioral Targeting fornito da Facebook, Inc. che collega l'attività di questa Applicazione con il network di advertising Facebook.

Dati personali raccolti: Cookie e Email.

Luogo del trattamento : USA – Privacy Policy

 
Facebook Remarketing (Facebook, Inc.)
Facebook Remarketing è un servizio di Remarketing e Behavioral Targeting fornito da Facebook, Inc. che collega l'attività di questa Applicazione con il network di advertising Facebook.

Dati personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.

Luogo del trattamento : USA – Privacy Policy – Opt Out

 

·       Interazione con social network e piattaforme esterne
Questi servizi permettono di effettuare interazioni con i social network, o con altre piattaforme esterne, direttamente dalle pagine dell’Applicazione. Le interazioni e le informazioni acquisite da questa Applicazione sono in ogni caso soggette alle impostazioni privacy dell’Utente relative ad ogni social network.
Nel caso in cui sia installato un servizio di interazione con i social network, è possibile che, anche nel caso gli Utenti non utilizzino il servizio, lo stesso raccolga dati di traffico relativi alle pagine in cui è installato.

 
Pulsante Tweet e widget sociali di Twitter (Twitter)
Il pulsante Tweet e i widget sociali di Twitter sono servizi di interazione con il social network Twitter, forniti da Twitter Inc.

Dati personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.

Luogo del trattamento : USA – Privacy Policy

 
Pulsante Mi Piace e widget sociali di Facebook (Facebook, Inc.)
Il pulsante “Mi Piace” e i widget sociali di Facebook sono servizi di interazione con il social network Facebook, forniti da Facebook, Inc.

Dati personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.

Luogo del trattamento : USA – Privacy Policy

 
Pulsante +1 e widget sociali di Google+ (Google)
Il pulsante +1 e i widget sociali di Google+ sono servizi di interazione con il social network Google+, forniti da Google Inc.

Dati personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.

Luogo del trattamento : USA – Privacy Policy

 

Come posso controllare l'installazione di Cookie?
In aggiunta a quanto indicato in questo documento, l'Utente può gestire le preferenze relative ai Cookie direttamente all'interno del proprio browser ed impedire – ad esempio – che terze parti possano installarne. Tramite le preferenze del browser è inoltre possibile eliminare i Cookie installati in passato, incluso il Cookie in cui venga eventualmente salvato il consenso all'installazione di Cookie da parte di questo sito. È importante notare che disabilitando tutti i Cookie, il funzionamento di questo sito potrebbe essere compromesso. L'Utente può trovare informazioni su come gestire i Cookie nel suo browser ai seguenti indirizzi: Google Chrome,Mozilla Firefox, Apple Safari and Microsoft Windows Explorer.

In caso di servizi erogati da terze parti, l'Utente può inoltre esercitare il proprio diritto ad opporsi al tracciamento informandosi tramite la privacy policy della terza parte, tramite il link di opt out se esplicitamente fornito o contattando direttamente la stessa.

Fermo restando quanto precede, il Titolare informa che l’Utente può avvalersi di Your Online Choices. Attraverso tale servizio è possibile gestire le preferenze di tracciamento della maggior parte degli strumenti pubblicitari. Il Titolare, pertanto, consiglia agli Utenti di utilizzare tale risorsa in aggiunta alle informazioni fornite dal presente documento.

 
Titolare del Trattamento dei Dati
Associazione Monte Chaberton - Strada Alberoni 113/19 - Torino (Italia),

info@gmontechaberton.it

 

Dal momento che l'installazione di Cookie e di altri sistemi di tracciamento operata da terze parti tramite i servizi utilizzati all'interno di questa Applicazione non può essere tecnicamente controllata dal Titolare, ogni riferimento specifico a Cookie e sistemi di tracciamento installati da terze parti è da considerarsi indicativo. Per ottenere informazioni complete, consulta la privacy policy degli eventuali servizi terzi elencati in questo documento.

Vista l'oggettiva complessità legata all'identificazione delle tecnologie basate sui Cookie ed alla loro integrazione molto stretta con il funzionamento del web, l'Utente è invitato a contattare il Titolare qualora volesse ricevere qualunque approfondimento relativo all'utilizzo dei Cookie stessi e ad eventuali utilizzi degli stessi – ad esempio ad opera di terzi – effettuati tramite questo sito.

 

Definizioni e riferimenti legali
Dati Personali (o Dati)
Costituisce dato personale qualunque informazione relativa a persona fisica, identificata o identificabile, anche indirettamente, mediante riferimento a qualsiasi altra informazione, ivi compreso un numero di identificazione personale.

Dati di Utilizzo
Sono i dati personali raccolti in maniera automatica dall’Applicazione (o dalle applicazioni di parti terze che la stessa utilizza), tra i quali: gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dall’Utente che si connette all’Applicazione, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier), l’orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta dal server (buon fine, errore, ecc.) il Paese di provenienza, le caratteristiche del browser e del sistema operativo utilizzati dal visitatore, le varie connotazioni temporali della visita (ad esempio il tempo di permanenza su ciascuna pagina) e i dettagli relativi all’itinerario seguito all’interno dell’Applicazione, con particolare riferimento alla sequenza delle pagine consultate, ai parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’Utente.

Utente
L'individuo che utilizza questa Applicazione, che deve coincidere con l'Interessato o essere da questo autorizzato ed i cui Dati Personali sono oggetto del trattamento.

Interessato
La persona fisica o giuridica cui si riferiscono i Dati Personali.

Responsabile del Trattamento (o Responsabile)
La persona fisica, giuridica, la pubblica amministrazione e qualsiasi altro ente, associazione od organismo preposti dal Titolare al trattamento dei Dati Personali, secondo quanto predisposto dalla presente privacy policy.

Titolare del Trattamento (o Titolare)
La persona fisica, giuridica, la pubblica amministrazione e qualsiasi altro ente, associazione od organismo cui competono, anche unitamente ad altro titolare, le decisioni in ordine alle finalità, alle modalità del trattamento di dati personali ed agli strumenti utilizzati, ivi compreso il profilo della sicurezza, in relazione al funzionamento e alla fruizione di questa Applicazione. Il Titolare del Trattamento, salvo quanto diversamente specificato, è il proprietario di questa Applicazione.

Questa Applicazione
Lo strumento hardware o software mediante il quale sono raccolti i Dati Personali degli Utenti.

Cookie
Piccola porzione di dati conservata all'interno del dispositivo dell'Utente.

Email
Fornisce accesso all'indirizzo email primario dell'utente


Riferimenti legali
Avviso agli Utenti europei: la presente informativa privacy è redatta in adempimento degli obblighi previsti dall’Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonché a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.

Questa informativa privacy riguarda esclusivamente questa Applicazione.

© 2018 Associazione Monte Chaberton - 515a Batteria Guardia alla Frontiera. Tutti i diritti riservati. Sede legale: Strada Alberoni 18/31 10133 - Torino - CF 97807690017 - PI 11811420014. Numero REA TO - 1244302 Privacy Policy